Dipendenza da cocaina: come uscirne senza ricoveri e con la massima privacy con la terapia deep rTMS di Brain Stimulation Italia

Soffri di dipendenza da cocaina e stai cercando un modo per uscirne definitivamente e senza ricovero?
Vuoi aiutare un amico, un familiare o il tuo partner a disintossicarsi dalla cocaina ma le soluzioni che hai provato si sono rivelate inutili o hanno funzionato solo per un breve periodo?

Dipendenza da cocaina

Applicando la tecnologia della deep rTMS – stimolazione magnetica transcranica ripetitiva profonda – al problema della dipendenza dalla cocaina è possibile curarsi in poco tempo, attraverso un percorso personalizzato di quattro settimane.

Evoluzione della terapia TMS, il modello sviluppato da Brain Stimulation Italia consiste in una serie di sedute giornaliere effettuate in uno dei Mood Center – dove si curano anche depressione, dipendenza dal fumo, OCD, mal di testa cronico e altri disturbi – con il supporto di un’équipe medica multidisciplinare.

I vantaggi? Nessun ricovero (ogni seduta dura pochi minuti e si svolge in ambulatorio), nessuna terapia farmacologica e nessun effetto collaterale, con la garanzia della massima riservatezza.

Argomenti

Chiedi allo specialista

Puoi compilare il form in forma
anonima, lasciando solo il tuo indirizzo mail e una breve descrizione sui tuoi sintomi.

    Assistenza telefonica

    disponibile anche su whatsapp

    Uscire dalla dipendenza da cocaina

    Dipendenza dalla cocaina: un problema sempre più diffuso

    In base all’ultima Relazione europea sulla droga – fornita dall’Osservatorio europeo delle droghe e delle tossicodipendenze (EMCDDA) – il consumo di cocaina è cresciuto vertiginosamente negli ultimi anni.

    Si stima che in Europa siano circa 18 milioni le persone che hanno provato almeno una volta la cocaina, 4,3 milioni invece i consumatori attivi nell’ultimo anno. Tra i Paesi, al primo posto c’è la Spagna, seguita dal Regno Unito e dall’Irlanda.

    Al quarto posto l’Italia, dove si calcola che il 6,9% della popolazione abbia fatto uso di cocaina (oltre 4 milioni di persone).

    Con il consumo crescono anche i pazienti affidati a ospedali e strutture specializzate per essere sottoposti a trattamenti per disintossicarsi dalla cocaina (attualmente oltre 70 mila in tutta Europa), a testimonianza dell’aumento dei casi di dipendenza da cocaina.

    Il gap temporale tra l’età media del primo consumo (23 anni) e quella di inizio del primo trattamento (34) evidenzia inoltre come sia difficile per chi soffre di dipendenza dalla cocaina riconoscere il problema e decidere di sottoporsi a cure specialistiche.

    Dipendenza da cocaina, uscirne senza ricovero

    Uso e abuso di cocaina: il profilo del consumatore

    Nonostante i dati di per sé già preoccupanti, la dipendenza da cocaina è un fenomeno ancora sottovalutato. Alla base c’è un problema di consapevolezza: chi ne fa uso, raramente vede sé stesso come un tossicodipendente.

    Il profilo è decisamente eterogeneo: adolescenti, adulti, uomini, donne, persone con reddito elevato e medio basso, professionisti, freelance, medici, operai e manager.

    Anche le modalità di avvicinamento alla cocaina sono varie, tra cui:

    • giovani che iniziano con gli amici alle feste o in discoteca;
    • professionisti che la provano per migliorare le performance lavorative o ridurre la percezione della fatica;
    • persone in difficoltà, che la vedono come un rifugio dallo stress familiare o lavorativo;
    • soggetti affetti da disturbi dell’umore, depressione o altri problemi psichiatrici.

    Molto spesso, ciò che all’inizio è considerato solo un vizio (magari relegato al weekend) o un modo per risolvere un qualsiasi problema, col tempo si trasforma in qualcosa di cui non si può più fare a meno.Quando l’individuo avverte il bisogno di farne uso quotidiano, siamo già nella fase di dipendenza dalla cocaina, con la comparsa di sintomi da astinenza e craving (ovvero il desiderio incontrollabile di assumere la sostanza).

    È qui che la consapevolezza è fondamentale: il primo passo è rendersi conto di soffrire di una dipendenza, ammettere le proprie difficoltà e intraprendere un percorso per disintossicarsi dalla cocaina.

    Un percorso che grazie alla deep rTMS può essere rapido, indolore e sicuro, senza rinunciare al lavoro o alla propria quotidianità.

    Effetti della cocaina: come agisce sul cervello e sul corpo

    La cocaina agisce sul sistema nervoso centrale provocando un accumulo di dopamina, neurotrasmettitore responsabile di numerose attività, importante per la regolazione di umore, sonno, attenzione e memoria.

    Cosa succede quando si assume cocaina?

    I primi effetti si manifestano nel giro di pochi secondi se fumata, meno di un minuto se iniettata in vena e un paio di minuti se sniffata.

    Tra gli effetti comunemente considerati ‘positivi’ da chi la assume troviamo:

    • euforia;
    • eccitazione;
    • sensazione di forza e lucidità;
    • disinibizione;
    • aumento della libido;
    • riduzione di fame, stanchezza e sonno.

    A questi si aggiungono:

    • tachicardia;
    • maggiore sensibilità alla luce;
    • aumento della sudorazione.

    L’azione della sostanza dura circa mezz’ora (con differenze significative a seconda della dose assunta e del grado di assuefazione), passata la quale il soggetto entra nella fase di down, caratterizzata da sintomi come malessere, ansia e senso di colpa.L’uso frequente può condurre all’insorgere di una dipendenza da cocaina, in cui il soggetto manifesta ossessivamente il desiderio di fare uso della sostanza (craving), con sintomi che vanno dalla grave alterazione dell’umore fino a tremori, sensazione di fatica intensa e depressione.

    Cosa rischia chi assume cocaina?

    I problemi legati alla dipendenza dalla cocaina non si riducono alla perdita di controllo sulla sostanza. I danni collaterali sono numerosi e riguardano sia la salute fisica sia la sfera sociale.

    Oltre agli effetti letali legati all’assunzione di una dose troppo alta (overdose) e al rischio di contrarre infezioni o virus come l’HIV (nel caso di assunzione per via endovenosa), l’uso prolungato di cocaina determina una serie di conseguenze gravi sull’organismo.

    Danni a livello cardiocircolatorio

    • Aritmia
    • Infarto del miocardio
    • Miocardite
    • Cardiopatia ischemica
    • Endocardite
    • Flebiti
    • Edema polmonare

    Danni neurologici

    • Ictus
    • Convulsioni
    • Crisi epilettiche
    • Atrofia cerebrale
    • Encefalopatia maligna

    Danni a livello respiratorio

    • Perforazione del setto nasale
    • Rinite
    • Emorragie
    • Tosse cronica
    • Dolore a livello toracico

    Altri danni fisici e psicologici

    • Malnutrizione e perdita di peso
    • Insonnia
    • Allucinazioni
    • Depressione

    Inoltre, bisogna ricordare che la cocaina non viene quasi mai venduta pura, ma tagliata con altre sostanze per aumentarne il peso e potenziarne gli effetti. Di conseguenza, ai danni derivati dal consumo di cocaina vanno aggiunti anche quelli provocati da sostanze come anestetici, anfetamine, antiparassitari e altri stimolanti.

    I danni sociali

    La salute non è l’unico ambito a essere colpito dal problema della dipendenza da cocaina. Tutta la sfera relazionale dell’individuo ne è gravemente compromessa.

    Chi fa uso di cocaina in modo continuato tende infatti a modificare la propria scala di valori: tutto – dal lavoro alle relazioni – diventa secondario e le giornate ruotano intorno a quando assumerla la prossima volta e come procurarne altra.

    Il soggetto si isola, scegliendo di frequentare solo o quasi esclusivamente persone dello stesso giro, gente che come lui assume cocaina abitualmente, tagliando i rapporti con tutti gli altri.

    Per familiari, amici e colleghi diventa difficile se non impossibile instaurare un dialogo: la persona rifiuta consigli, reagisce in modo brusco e spesso aggressivo, in quanto non è disposto ad ammettere il suo problema di dipendenza.

    Una situazione insostenibile, che conduce alla perdita del lavoro e delle relazioni con le persone più vicine, fattori che portano il soggetto a isolarsi ancora di più e a vedere nella cocaina l’unico rimedio.

    La terapia Deep rTms per la cura della dipendenza da cocaina

    Disintossicarsi dalla cocaina con la stimolazione magnetica transcranica ripetitiva: le terapie tradizionali e il metodo deep rTMSdi Brainstimulation Italia

    Esistono diversi approcci alla cura della dipendenza da cocaina. La loro efficacia dipende in larga parte dalla gravità del problema, dalle caratteristiche psicofisiche del soggetto e da fattori ambientali.
    Tradizionalmente, i metodi più diffusi sono due: farmacologico e comportamentale-psicoterapico.

    Terapia farmacologica contro la dipendenza dalla cocaina.

    Sfortunatamente, a oggi non si conoscono farmaci efficaci. Per ridurre il craving vengono impiegati antidepressivi, antipsicotici, benzodiazepine e stabilizzanti dell’umore come il litio.

    Si tratta naturalmente di trattamenti finalizzati ad alleviare i sintomi di astinenza da cocaina e la sofferenza del paziente, senza però risolvere il problema sul piano comportamentale e con vari effetti collaterali legati all’assunzione dei farmaci stessi.

    Disintossicarsi dalla cocaina in comunità

    In Italia esistono numerosi centri e comunità per il recupero da dipendenza da cocaina e altre sostanze. In genere il tempo di permanenza è piuttosto lungo, di mesi o addirittura anni.

    Durante questo periodo il soggetto segue un percorso di riabilitazione con metodologie che variano a seconda della comunità, che si conclude quando la persona si dimostra completamente guarita dalla dipendenza e in grado di riprendere il suo posto nella società.

    L’approccio psicoterapico per la disintossicazione da dipendenze

    Nell’ambito della psicoterapia esistono diversi tipi di intervento contro la dipendenza dalla cocaina, come le terapie di gruppo, familiari e psicodinamiche, i trattamenti cognitivo-comportamentali e le tecniche di meditazione come la mindfulness.

    A livello scientifico, questi metodi non si rivelano efficaci da soli ma solo se inseriti in un percorso più ampio e uniti alla terapia farmacologica.

    Si può uscire dalla droga senza comunità e senza farmaci? Con la deep rTMS bastano poche sedute in un centro specializzato senza ricoveri né effetti collaterali.

    La terapia deep rTMS di Brain Stimulation Italia si basa sulla stimolazione magnetica transcranica ripetitiva (rTMS), una tecnica utilizzata da molti anni a scopo di ricerca e per il trattamento di svariati disturbi di tipo psichiatrico e neurologico, come il disturbo ossessivo compulsivo e la depressione.

    La novità consiste nel tipo di tecnologia: più evoluta e più efficace, in grado di estendere con successo le possibilità di intervento a svariati ambiti, tra cui anche la dipendenza da cocaina.

    Deep rTMS: come funziona

    Attraverso la generazione di una serie di impulsi elettromagnetici (motivo per cui è definita ‘ripetitiva’) su una frequenza specifica, si vanno a stimolare le zone del cervello interessate dal disturbo, eccitando o inibendo alcune aree cerebrali per ristabilirne il corretto funzionamento.

    A differenza della rTMS classica, la stimolazione magnetica transcranica ripetitiva profonda (o deep rTMS) riesce a raggiungere una profondità molto maggiore, stimolando di conseguenza un’area più grande con estrema precisione.

    La tecnologia, sicura e approvata a livello internazionale, rappresenta un passo in avanti importantissimo, che consente di trattare la zona obiettivo in modo più accurato e con risultati decisamente superiori rispetto ad altri metodi.

    La deep rTMS nella cura della dipendenza da cocaina

    L’uso prolungato di cocaina altera le dinamiche cerebrali, innescando un desiderio ossessivo che viene definito craving e che modifica la psicologia e il comportamento di chi soffre di dipendenza, peggiorando la qualità della vita.

    Data l’inefficacia delle soluzioni farmacologiche e le implicazioni sociali di aderire a un programma di recupero in comunità, la stimolazione magnetica transcranica ripetitiva profonda è spesso l’unica prospettiva per chi ha bisogno di disintossicarsi dalla cocaina.

    La stimolazione agisce sulle zone della corteccia cerebrale associate al craving e alla produzione di dopamina. Mediante poche sedute ambulatoriali, il trattamento permette di tenere sotto controllo il craving e di ritornare a un livello corretto di produzione di neurotrasmettitori.

    Brainstimulation Mood center - Terapia contro la tossicodipendenza da cocaina

    Il Mood Center di Brain Stimulation Italia: i centri dell’umore per trattare dipendenza da cocaina, depressione e altre patologie

    Anche per la dipendenza dalla cocaina, come nel caso di altri disturbi, una terapia è sempre una risposta a un caso specifico e come tale non può essere ridotta a un semplice trattamento.

    Inoltre, tale dipendenza può essere il sintomo di un problema psichiatrico nascosto, quindi è fondamentale una valutazione preliminare attenta e approfondita, per capire le cause e stabilire il percorso di cura più efficace.

    Chi entra in uno dei nostri Mood Center ha la possibilità di incontrare il nostro personale medico per raccontare la propria esperienza e ricevere così un primo consulto gratuito, sulla base del quale personalizzare la terapia.

    Disintossicarsi dalla cocaina: il percorso di cura di 4 settimane

    Con la deep rTMS si può uscire dalla droga senza comunità e senza rischiose terapie farmacologiche. Il ciclo prevede 20 sedute nell’arco di un mese, ognuna di 20 minuti circa.

    Tutto si svolge in ambiente ambulatoriale nei nostri Mood Center: durante il trattamento la persona è sveglia (senza sedazione), non sente alcun dolore e comunica con gli assistenti.

    Inoltre, la stimolazione magnetica transcranica ripetitiva profonda non ha effetti collaterali, nemmeno nell’immediato: di conseguenza è possibile recarsi con la propria auto all’appuntamento, senza bisogno di accompagnatori.

    Ma rivolgersi a un nostro Mood Center offre un altro vantaggio che riguarda l’aspetto più importante: quello umano. Per tutta la durata della terapia, le nostre psicologhe sono sempre al fianco del paziente, ascoltando la sua esperienza, raccogliendo feedback sul trattamento e offrendo consigli e supporto quotidiani.

    Grazie a questo approccio multidisciplinare, la persona si sente a suo agio, è libera di aprirsi e di raccontarsi. Ma soprattutto, riesce a comprendere che la dipendenza dalla cocaina è una vera e propria malattia e che va trattata come tale. Senza sensi di colpa, ma con volontà, fiducia e serenità.

    Contatta Brainstimulation

    Puoi compilare il form in forma anonima, lasciando solo il tuo indirizzo mail e una breve descrizione sui tuoi sintomi.

      Prenota
      una visita

      Deep rTMS, TDCS e un team multi specialistico per sconfiggere definitivamente il tuo problema.

      Cos’è la
      stimolazione
      magnetica
      transcranica
      profonda?

      È un trattamento non invasivo molto ben tollerato dal nostro corpo, che permette la stimolazione selettiva di aree cerebrali ben precise.


      La nostra
      è una ricerca
      continua.

      Team
      specializzato

      Neurologi, psichiatri, psicologi, fisiatri a completa disposizione per curare definitivamente le patologie cerebrali.

      Sei alla ricerca di aiuto, per te o un tuo caro?
      Contattaci!

      In Brainstimulation abbiamo avanzati trattamenti di stimolazione magnetica quali la deep rTMS e la TDCS, dedicate alla cura di svariate patologie psichiatriche e cerebrali.

      Rispettiamo la tua
      privacy.

      La terapia non prevede
      alcun ricovero.